LE EDIZIONI INAUDITE | Il nuovo collezionismo d’arte nel 2019

19/12/2018 Off By Tecla
LE EDIZIONI INAUDITE | Il nuovo collezionismo d’arte nel 2019

Dal 13 dicembre 2018 al 19 gennaio 2019 la Fusion Art Gallery INAUDITA presenta Tartare. The Group Show. La mostra collettiva degli artisti italiani del n. 0/0 di Tartare Synthétique, la rivista della galleria d’arte torinese.

L’artista, art director ed editrice Barbara Fragogna racconta il progetto del magazine pubblicato da Edizioni Inaudite.

Il 2019 è alle porte e questi sono i consigli per chi vuole iniziare a collezionare edizioni d’arte.

La parola a Barbara Fragogna

Prima di parlare delle Edizioni Inaudite come nuova forma di collezionismo artistico, spiegami che cos’è “Tartare Synthétique”?

È la rivista in forma di edizione delle Edizioni Inaudite presentata in anteprima assoluta ad ArtVerona 2018. Il numero 0/0 del magazine contiene i lavori di 14 artisti che collaborano con la Fusion Art Gallery INAUDITA di Torino. Inoltre include i testi di Leonardo Caffo, Semaforo Brown, Elisa Ganivet, Chiara Grandesso, Thresholds e Water Woman. 

Tartare Synthétique è un’opera d’arte grafica a tiratura limitata di 20 copie. Ogni esemplare possiede un certificato di autenticità e tre opere autografe firmate e numerate: un poster, una fotografia e un disegno. Per di più l’immagine in copertina è interattiva. Infatti è parzialmente nascosta da un Gratta e Vinci a forma di stella, che il collezionista può decidere di conservare o meno.

Tartare Synthétique

Quali sorprese tieni in serbo per i prossimi numeri? Puoi concederci delle anticipazioni?

Sì, ogni numero affronterà un tema diverso, che servirà da chiave di lettura alle opere. Questo si intitola Ridicule. Chiaramente “ridicolo” vuole dire tante cose e ogni artista lo interpreta in base al suo punto di vista personale. Per me, che sono l’editrice, in questo momento il senso del ridicolo attraversa molti aspetti della società contemporanea.

Gli artisti rappresentati da Tartare Synthétique sono in grado di fare dei discorsi seri di avanguardia, senza aver paura di far sentire la propria voce. Perciò le opere pubblicate sul magazine hanno un punto di vista un po’ forte, meno decorativo e politically correct, rispetto a ciò che succede nel mondo.

Nel numero 0/0 Ridicule l’attenzione è sull’Italia. Sono tutti artisti italiani (tranne Kim Yaged che è americana), perché Tartare Synthétique nasce a Torino. Ma nei prossimi numeri ci saranno anche artisti stranieri e la rivista diventerà multi-lingue con traduzioni in inglese o in italiano. 

Le Edizioni Inaudite

Che differenza c’è tra il libro d’artista e le Edizioni Inaudite?

In Italia il libro d’artista è una copia unica o in tiratura limitatissima. C’è sempre un intervento diretto, fisico sull’opera da parte dell’autore, che in certi casi la costruisce in prima persona. In genere si tratta di un’opera d’arte a forma di libro. 

Viceversa le Edizioni Inaudite sono nate in Germania e hanno un’altra visione del libro d’artista. L’edition può essere anche un oggetto diverso dal libro, anche se finora è stata la forma prediletta dai nostri artisti.

Ma in questo caso il libro in tiratura limitata ospita all’interno un’opera d’arte. Invece di essere manipolato copia per copia, viene firmato e numerato. In ogni edizione c’è qualcosa in più, ad esempio una personalizzazione fatta da un artista o da un gruppo di artisti, come nel caso di Tartare Synthétique.

Il libro d’artista delle Edizioni Inaudite è un progetto artistico autonomo. Quindi è presentato solo in forma di edizione e non sarà sviluppato in nessun altro modo. L’eventuale riproduzione delle opere contenute all’interno del libro faranno sempre parte del progetto editoriale. In altre parole, non è un catalogo.

I collezionisti del futuro

Le Edizioni Inaudite sono pensate per i giovani, i collezionisti del futuro. Perché dovrebbero comprare queste edizioni?

Perché sono firmate e numerate dall’artista, perciò hanno il valore di un’opera multipla. Ad esempio come una litografia o qualsiasi altra opera grafica. Alcune, come Tartare Synthétique, hanno un’autentica all’interno. E questo sottolinea ancora di più il fatto che siano opere d’arte. 

Quindi chi colleziona un libro di Edizioni Inaudite non acquista un’opera editoriale, ma un’opera d’arte creata appositamente per l’edizione. E per giunta, il suo prezzo è molto più basso rispetto al valore commerciale delle opere dell’autore.

È un regalo, un’offerta speciale! Questo perché a noi della Fusion Art Gallery INAUDITA non interessa fare un’operazione speculativa di mercato, bensì un’opera di divulgazione del lavoro degli artisti.

Investire nell'arte

In questo modo le Edizioni Inaudite possono introdurre un aspirante collezionista ad acquistare opere d’arte. E come se non bastasse si tratta di oggetti facilmente conservabili che acquistano valore nel tempo.

Sono opere d’arte grafica in forma di edizione. Non sono libri che si trovano in libreria, ma esposti in una galleria d’arte. È come negli anni ’60 e ’70, quando le gallerie e i gruppi di artisti producevano tanto materiale stampato: edizioni, riviste, pamphlet e inviti. Adesso sono oggetti da collezione.

Per le Edizioni Inaudite è la stessa cosa, sono opere d’arte originali che con il tempo aumentano di valore. E poi sono belle, solo per questo vale la pena comprarle. Del numero 0/0 di Tartare Synthétique ci sono solo 20 copie. Un giorno per un collezionista sarà importante avere questo numero, perché non verrà mai più ristampato.